Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Lu coronavirus

Dialettali

FedericoCalderone

Poesia pubblicata il 31/05/2020 | 187 letture

Nu corpu ‘i tussi
e ‘na picca i frevi
lu Munnu fici trimari.
Lu megghiu rigista,
di stu film, mai putia pinsari.
‘Nu virus fitenti,
ca siminò scantu e morti
fra la genti.
Li cristiani,
‘nta li quattru mura rintanati,
di la libertà furunu privati.
Strati, chiazzi, ‘nu desertu,
li spitali, nu ranni cuncertu.
Lu peggiu pari passatu,
ora furriari nun eni piccatu.
Lu travagghiu, sta turnannu,
ma pisanti fu lu dannu.
Lu Coronavirus da to testa
mai sarà cancillatu.
Lu futuru ‘nuddu l’avi disignatu,
ma cu n’ta prudenza avi navigatu
sempri bonu s’avi purtatu

Nota dell'autore:

«TRADUZIONE: Un colpo di tosse e un po’ di febbre il mondo fecero tremare. Il migliore regista, questo film ma avrebbe potuto immaginare. Un virus fetente che provocò paura e morte fra la gente. Le persone in casa rintanati, ai domiciliari furono condannati...»

 
<< SuccessivaPrecedente >>
Precedente di FedericoCalderone >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

FedericoCalderone

FedericoCalderone

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

45 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

FedericoCalderone Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti: