Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Noi due

Riflessioni

oikosmm

Poesia pubblicata il 29/10/2019 | 55 letture

E’ solo giungendo alla foce
che si manifesta nella sua completezza
l’itinerario di un fiume.
Cosa siamo stati noi due?
E cosa è stato di noi due?
Il cielo del tramonto
sanguina ferito
dalle insidie del giorno,
così io resto attonito
da ciò che non mi aspettavo
da te, da te, da te
per me innocente come
un fiore di campo,
come una rondine che gioca col cielo.
Tutta la tua storia
mi diceva che non poteva essere vero,
che era un gioco terribile
dei miei pensieri
e invece stavi camminando
su un’altra strada
dove nessun segnale
portava al mio nome.
E i miei giorni erano senza speranza
intrisi di disprezzo di te e di me.
Più alto è il volo di un sogno
più rovinosa è la sua caduta.
Eravamo ormai nemici irriducibili
che combattevano
la loro guerra di trincea,
senza esclusioni di colpi,
usando le armi più insidiose
pur di annientare l’altro.
Si diventa cupamente feroci
per narcotizzare il proprio dolore.
E pensare ai momenti più dolci
del nostro tormentato amore
non faceva che aumentare la mia rabbia
e la mia ansia di distruzione.
Tu avevi tradito il nostro tempo
tu avevi tradito tutti i ricordi
tu avevi tradito la nostra passione
e avevi venduto il tuo corpo e la tua anima
al peggiore offerente
pur di farmi del male.
Ma in quei giorni
il Male era per te il Bene
e il demone che corrodeva l’anima
era la promessa di un futuro radioso,
cui potevi accedere solo uccidendomi.
Il desiderio di latte e di miele
poteva scorrere solo sul mio cadavere.
Il Diavolo si presenta ai nostri occhi
come un angelo di luce
per poterci ingannare meglio,
ci avvolge nella sua trappola
come il ragno fa con la sua preda
dopo averla paralizzata col suo veleno
per poi nutrirsi del nostro spirito.
Cosa sarà di noi
non so dirtelo
perché alberga ancora nella mia mente
la presenza di ciò che eri diventata
e non so se nuovamente questa estranea
proietterà la sua ombra malefica
sulle nostre vite.
L’innocenza ormai è perduta
e l’amore che si concede pause
non so se sia vero amore
o solo paura della notte.
 
<< SuccessivaPrecedente >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

oikosmm

Ha scritto anche…

oikosmm non ha pubblicato altre poesie.

Pubblica in…




Poesie più recenti: