Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Li barboni

Dialettali

Giuseppe Mauro Maschiella

Poesia pubblicata il 05/03/2019 | 252 letture

C’e’ sempre nà linea
de confine
tra felicità e tristezza
tra povertà e ricchezza.
C’è quarcosa ner vento
che trasporta morte foje
e tristezza der tempo,
tutt’e mattine
quanno er popolo de li mendicanti
vecchi e giovani puzzolenti,
se n’esce da’ vicoli riparati da li venti,
o da’ sotto li ponti de Roma,
li chiameno barboni.
Se spargheno pe’ le vie der centro,
a frugà tra a monnezza
in cerca de quarche avanzo da magnà,
de ‘n cartone,
de ‘na coperta.
Poi passeno tutt’er giorno
a elemosinà lì d’intorno.

D’estate li vedi qua e là
strajati pe’ tera,
su li marciapiedi,
ar fresco sotto quarche pino
e quarcuno che passa lì vicino,
li guarda de’ traverso.
Su ‘na panchina
c’è ‘n vecchio solo
intorno tanta gente indifferente
che cammina,
lui co’ a mano tesa
e ner suo chiedere stanco
gocce de lacrime je cadono de fianco.
Quer vecchio è n’omo
solo ch’à scerto o è costretto
a la strada,
ma che ce stà dietro nun se lo chiedemo,
pe’ morti è solo ‘n poro scemo!
E nun se chiedemo neanche,
che cianno a le spalle
giovani e persone
de mezza età,
senza ‘na speranza
pe’ potè cambià!

Pe’ l’odore sgradevole,
li stracci luridi
le mani ruvide,
se scosta da loro
er passo der monno
che passa e che lascia
‘na scia de profumo
e ‘n’allegro vocìo,
mentre e risate
de donne co’ fori
quasi tutto er petto
nun sbaveno
manco er rossetto.

E quanno giunge l’inverno
pe’ loro comincia l’inferno.
Se stringheno l’uno a l’artro,
ne’ a speranza che l’artro,
abbia da dare
amore e calore.
Se senteno tutti ingannati,
e senza fà l’amore,
de l’alcol e der vino
diventeno innamorati.
Pe’ scallase ‘n po’ che ce vò?
Basta sedesse e aspettà a gelata,
sotto ‘n ponte, sotto ‘un cartone,
sotto ‘na coperta ne’ a strada.
Ma certe vorte
quarche fascista zozzo,
co’ a benzina
dà foco a li stracci e ar cartone,
se riscalla e va ‘n’artro barbone.

Eppure quer vecchio
è ancora lì, disteso
su la panchina, e
nell’urtima corsa
de solo andata,
ancor chiede a quer monno lontano
‘n urtimo gesto ‘n tender a mano.
Io m’avvicino,
quanto costa ‘n’urtima carezza?
Pochi spiccioli e ‘n sorriso.
Ne’ suoi occhi ‘n mare blu immenso,
pe’ ‘n piccolo gesto
de’ core e de’ bonsenso.
E tu!
Che sempre vorgi lo sguardo
a quer cielo azzurro
e lontano lassù,
nun te sei accorto
che basta ‘n piccolo gesto d’amore,
p’avecce vicino er paradiso quaggiù,
ne li occhi d’un barbone
in ‘n mare più blù?
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Giuseppe Mauro MaschiellaPrecedente di Giuseppe Mauro Maschiella >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Giuseppe Mauro Maschiella

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

33 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

Giuseppe Mauro Maschiella Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti: