Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




L’immortalita’

Dialettali

Giuseppe Mauro Maschiella

Poesia pubblicata il 27/02/2019 | 630 letture

Embè, si! Fino a sedici anni
credevo ne’ a religione
me confessavo
facevo a comunione.
Poi morì ‘n vicino e feci
’na visita ne’ la sua casa,
er cadavere già puzzava.
Era a prima vorta che
vedevo ‘n morto e
chiesi ar prete com’era
possibile che quell’omo
già pronto pe’ er funerale
poteva esse immortale.
Appena t’avvicini a stò
tema te cade addosso
na’ pioggia de’ citazioni,
er prete me coprì de’
passi de’ la bibbia:
anvedi sta scritto
qui, sta scritto lì,
‘n’anema immortale tu ciai
e se segui le nostre regole
ner paradiso andrai.
Je risposi: famose a capì,
odio le citazioni,
scritte da l’umano...
e divenni ateo piano... piano.
Er mistero de’ la morte me
portò su sentieri inesplorati
giusti o sbajati.

Dunque pe’ esse immortali
ce vole un’anema, ma andò stà?
Ho cercato dio ch’è invisibile,
ho visto solo a sua natura
ch’è terribile
e quanno se scatena
nun cià pietà pe’
nessuna criatura.
Certo nun me sfugge
a bellezza de’ a natura
quann’è bona,
e a bellezza der creato,
anche se dio de’ mettece
l’ossigeno s’era scordato.
E nun è detto che quer
che nun se vede, nun esista.
Noi respiriamo
l’aria e nun la vediamo.
Ma l’aria da sola
nun te fà campà,
ce’ vole l’ossigeno,
e a crearlo cianno
pensato miliardi
de’ miliardi de batteri
anch’essi invisibili
co’ a fotosintesi,
e co’ l’aria,
d’ossigeno arricchita
piano piano è nata
e s’è evoluta a vita.
Già ma chi ha creato
er primo batterio?
E chi ha creato er creato?
E chi ha creato dio?
Se pensi a questo
quarche dubbio
te vene, poi se ne va,
perché so’ sicuro
che dio, l’ha creato l’omo.

Forse l’anema c’è l’avemo
mischiata co’ li neuroni e
li batteri, ma l’immortalità?
Pè sapè che c’è dopo la morte
bisogna ch’io capisca
che c’era prima de’ a vita
e da dove so’ venuto
e nun è de’ bono auspicio
er fatto che so’ nato.
Perché ciò ch’è
immortale nun more e
nun cià bisogno de’ nasce.
Or dunque è ‘na
questione de’ fede,
uno ce crede o nun ce crede,
a questo dio che nun se vede.
‘N’idea ner cervello me frulla,
dopo de’ noi nun c’è nulla.

Immortalità! Che
concezione noiosa!
Mettemo er caso
che a ‘n poro disgraziato,
je pongano vicina,
la moglie già sopportata
tutta a vita, pe’ l’eternità!
E nun se po’ manco suicidà!
A te credente
te dico che nun semo
d’accordo manco pe’ niente,
ar paradiso quanno ce vai?
Prima te mori e prima
immortale sarai.
Io guardo le sabbie
morte de’ lì deserti,
li corpi morti de’ lì bambini.
L’immortalità nun passa de’ là,
oppure nun se ferma e se ne va.
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Giuseppe Mauro MaschiellaPrecedente di Giuseppe Mauro Maschiella >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Giuseppe Mauro Maschiella

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

46 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

Giuseppe Mauro Maschiella Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti: