Portfolio poetico

Nuovi autori:

Autori più pubblicati:


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Guardai la terra

Riflessioni

lentini gaetano

Poesia pubblicata il 18/01/2018 | 331 letture

In una modernità
così liquida senza punti solidi
di riferimento e priva di valori,
il seme che cade tra le spine è
quello destinato alla grande
tribolazione.

Preoccupato
per la crisi economica che
sembra non aver fine, da quel
tedioso compito di adolescente
inquietante guardo di più i
valori.

Inquieta il
relativismo etico, nel tempo
non porta mai a nessuna parte;
lei arriva all’età dei venti, vuole
aspettare ancora per avere
figli.

Perché ritrovarmi
in quella vecchiaia dai denti
finti, solo e dai capelli bianchi?
Lei mi guarda negli occhi ... con
orgoglio, nell’agognato fiocco
rosa o azzurro.

Guardai la
terra molto prima di donar il
mio seme, mi amalgamai tanto
con il suo volere; lei mi sorride e
cambiò solo il vestito, perchè
aveva capito.

Quel progetto figli,
con soavità lei lo custodisce
gelosamente; con misericordia e
piena di amore, distinguendolo
dal bene al male tutto fa con
devozione.

Nutriti sempre
con agiatezza, il futuro lo innaffio
sempre con l’acqua della saggezza;
mi ritrovai con tanti anni che sembra
ieri, soddisfatto per cui si gioisce
con i figli suoi e miei.
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di lentini gaetanoPrecedente di lentini gaetano >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

lentini gaetano

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

227 poesie:



La più letta…

Pubblica in…




Poesie più recenti: