Portfolio poetico

Nuovi autori:

Autori più pubblicati:


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Figlio mio

Famiglia

Maria Vittoria Spinoso

Poesia pubblicata il 22/01/2016 | 622 letture

Così ti chiamerebbe la tua terra
se un giorno tu facessi qui ritorno!

Il cielo è di cobalto
e il gelsomino inebria
quando cala la sera!

Qui la scogliera è chiara,
quando si scontra al mare
e l’anima esultante vola altrove!

I golfi sono bianchi
come sposa all'altare!

Nessuna terra al mondo
possiede queste cose!

Nel frastuono di città rovinose
non c'è più quel suono di campanelli,
cavalli e carretti,
che tornano alle stalle,
mai più vecchi asinelli,
che sembrano ballare
nel correre festosi
ad aiutare quei padroni stanchi,
che lasciano per strada
un angoscioso canto!

E’ bene ricordare...
niente ha qui a che fare
con le città avare.

Quaggiù c’è un paese
con case tutte bianche,
blu le finestre a mare;
la sera puoi dormire
con luci di lampare!

E’ triste lasciar spoglie
in terra di frontiera,
meglio lasciar ceneri
dove danzano annunci
di primavera, qui nel tuo paese.
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Maria Vittoria SpinosoPrecedente di Maria Vittoria Spinoso >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Maria Vittoria Spinoso

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

50 poesie:



La più letta…

    La sua poesia più letta:

  • Perchè

Pubblica in…

Ha una biografia…

Maria Vittoria Spinoso Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti: