Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Il Divo Cesare

Uomini

edoardo bosio

Poesia pubblicata il 28/06/2015 | 847 letture

Cesare,
quanti allori
cinsero il tuo capo
e quante ricchezze portasti in patria.
Non trionfasti solo con la forza bruta come un barbaro
ma con l’ausilio dell’intelletto come un vero romano.

Cesare,
Conquistatore di immense terre
"veni, vidi, vici"
e la Gallia e l’ Egitto e il Ponto
caddero sotto il tuo giogo,
prima oscure terre barbare
ora radiose province romane.

Cesare
figlio di Venere,
padre della patria,
il servitore di Roma,
la signora del mondo
portatrice di prosperità e cultura
di pace e giustizia.

Oh Cesare
lungi dalle Idi dovevi stare
Oscuri presagi si aggiravano
gli incubi della povera Calpurnia,
il monito dell’aruspice
e il pianto dei tuoi cavalli,
ma il sacro dovere altrove ti chiamava.

Brutalmente ucciso
nella Pompea Curia
dall'avverso amico eretta.
Bruto! E’ proprio lui! il figliol tuo
a darti il colpo fatale.
Dignitosamente ti copristi il volto con la toga
per non guardar la triste realtà
e moristi non come un romano, né come un dio,
ma lasciasti quest’ingrato mondo come un Cesare.

Dedicasti la vita per la gloria di Roma
e fu proprio Roma a darti la morte.
Asceso al cielo insieme agli Dei
ora sarai tra pari
e per sempre vivrai
nell’immortal ricordo di noi mortali.
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di edoardo bosioPrecedente di edoardo bosio >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

edoardo bosio

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

La più letta…

Pubblica in…




Poesie più recenti: