Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Vivere per mangiare

Comicita'

vittorio pochini

Poesia pubblicata il 14/08/2014 | 1305 letture

Peso centoventi chili,
indosso abiti civili.
Porto in giro la mia panza
con estrema eleganza.

Si è vero sono un po' rotondo
ma c'è tanto spazio in questo mondo.
Molto meno in ascensore,
per entrarci uso il compressore.

Ho iniziato anche una dieta
mangiando balle di sola bieta.
Il terzo giorno son caduto,
le forze non m'hanno più sostenuto.

Che senso ha l'abbondanza
se tengo vuota la mia panza?
A cosa servono i miei denti
se non masticano alimenti?

Non sono bello, nemmeno brutto,
è una goduria assaggiare tutto.
Ciò che mangio in gola passa,
se non strozza purtroppo ingrassa!

E' meglio vivere di stenti
e pure d'estate battere i denti?
Od esser sazio e corpulento
col sul viso un doppio mento?

Quando vedo un piatto di gnocchi
ho le pupille fuori dagl'occhi.
Alla fine lascio la forchetta,
con la pagnotta faccio la scarpetta.

Ho il calendario delle sagre,
se partecipo vinco le gare.
Alla festa dell'Agricoltura
gli ho finito frutta e verdura!

Fondamentale per me obeso
è controllare il mio peso.
Se riscontro qualche anomalia
la curo subito in trattoria!
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di vittorio pochiniPrecedente di vittorio pochini >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

vittorio pochini

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

La più letta…

Pubblica in…




Poesie più recenti: