Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Can e gatt

Dialettali

Raffaele48

Poesia pubblicata il 30/04/2014 | 1171 letture

Cane è gatt se sap ca nun vann maje d’accord,
na gatta vicin a lu padron,
padrò je nun avria maje
vulut nascer na gatt.
E pecché? Le risponn lu padron,
po semplic mutiv ca comme me ved lu cane do vicin
accussi me corre appriess
e senza nu mutiv,
l’atra sera mentre iss mangiav dint a scodella
je scavav dinìt a munnez
e sul ca ved l’ombra mia
se mett a correr comm à nu pazz
e menumal ca ce stev n’alber vicin
cosinò chi sa comm sarria furnut.
Je le dic scusami se mi approprio
da munnezza del tuo padrone
ma je a na parte aggia mangia
nun so fortunat comme à tè
ma po pecché ce ll’ai cu me?
Simme tutt e duje da stessa razza
nun facimm comme à li padrun
ca s’acciden pe na cosa e nient
nuje simme animal
simme da stessa razza.
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Raffaele48Precedente di Raffaele48 >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Raffaele48

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

264 poesie:



La più letta…

Pubblica in…




Poesie più recenti: