Portfolio poetico

Nuovi autori:

Autori più pubblicati:


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Roberto Antonio - ù cuntadin

Roberto Antonio - ù cuntadin

Ho scritto
Ho scritto tante cose. Ho scritto infinite cose. Ho scritto tutto quello che c’era da scrivere.
Ho scritto anche quello che non dovevo scrivere un po’ per noia e un po’ per pazzia.
Ho scritto una montagna di eventi, una vagonata di situazioni con me sempre come regista e protagonista e mai come comparsa in un ruolo che mai ho accettato.
Ho scritto tutto pure quello che non mi apparteneva, quello che non era mio, quello che per alcuni era insignificante ma che per me era di vitale … vitale importanza.
Ho scritto tra dolori e tante lacrime e infinita tristezza, treni di sentimenti che viaggiavano tra tunnel e gallerie senza trovare mai la luce.
Ho scritto anzi ho flagellato la mia anima accartocciando il foglio bianco e immacolato che il Creatore mi ha donato, ed io come uno stronzo l’ho buttato.
Ho scritto l’impossibile anche le pene di un’altra dimensione mi sono accollato, mi sono mangiato, mi sono divorato per star tanto male da vomitare.
Ho scritto con una penna indelebile senza trucchi, alla luce del sole lo schifo dell’ uomo che sono … che sono stato.
Ho scritto i pianti e la gioia di un contadino che nell’assurdo di questa combinazione tra logica e teoria giura di aver conosciuto, toccato, assaporato, ingoiato l’amore.
Ho scritto di me in un assurda miscela tra un letamaio colmo di peccati, e un orto per seminare solo amore e … chissà. E infine ho scritto di un giardino afrodisiaco che mi sballa, che mi squarta, e mi accascia in amplessi infiniti con orgasmi idilliaci.
Ho scritto ho scritto tutto, anche quello che dovrò scrivere tra un giorno, un anno, o forse tra mille anni.
Ho scritto la follia di Antonio che sgrana Roberto perché rivuole il suo ruolo rubato tanti, tanti anni or sono.
Ho scritto un pensiero collegato alle gesta di un coglione, che nei peccati dichiarati, crede che un contadino possa cambiare e convertir in amore prima se stesso e poi te … anima libera.
Ho scritto e fin quando il Creatore, mio Padre, nostro Padre, ci indica cosa scrivere, cosa dobbiamo incidere, cosa dobbiamo scolpire, con pugnalate o baci, vuol dire che siamo vivi.
E vivi lo saremo sempre, perché abbiamo scritto con l’anima e il cuore un foglio bianco magico, dove i peccati si cancellano con … l’amore.
L’amore scritto è la filigrana della nostra anima, è lo stampo del nostro cuore, è la matrice della nostra esistenza, è lo scritto di me morto nell’anima e poi risorto o forse sono ancora quasi morto. Ma non ha importanza perché ho urlato, ho lacrimato, ho sognato e alla fine con coraggio ho scritto.
Mi chiamo Antonio Roberto (ma tutti nella rete mi conoscono come ù cuntadin) sono nato il 1962 a Manfredonia, sono un contadino da oltre 4 generazioni e vivo nel mio paese natale che adoro a Manfredonia. Come dicevo sono un contadino ma ... di ultima generazione. Sono esperto informatico (per hobby). Sono perito agrario vivaista per la produzione di piantine ortofrutticole in contenitori alveolari. Esperto in colture biologiche e ho fatto per oltre 10 anni il veterinario in quella che era la più grande azienda d’Europa (15. 0000 capi di bestiame a stabulazione fissa). Sono tutto tranne un ... poeta. Però come sappiamo la rete guarda, osserva e alla fine giudica immortalando il nostro operato per ... l’eternità.


 


u cuntadin

u cuntadin

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

u cuntadin Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti: